1 Suchergebnisse
Preis:

Sortierung:

La Domenica del Corriere 10 Aprile 1960 Renato Rascel Eurovisione Ambrosio Carlo

La Domenica del CorriereRivista originale del10 Aprile1960Anno62 - N.15Rarità per appassionati e collezionistiSeguono solo alcuni dei fatti descritti, illustrati e fotografati all'internoIllustrato in copertina (segue foto):Un battesimo eccezionale. A Padova, nella cappella della clinica pediatrica, sono stati battezzati a più di un mese dalla nascita, quattro gemelli a cui sono stati imposti i nomi di Armando, Giuseppe, Luciano e Ugo. Sono figli di Adelchi Sangion e di Giselda Fanton di Caorle (Venezia), sposi da 11 anni e genitori di altri 5 figli.Illustrato nella retro copertina (segue foto):Presso Calenzano (Firenze) un autotreno, carico di sabbia, nell'incrociare un altro camion è sbandato investendo una casa di cui provocava il crollo. Le macerie cadevano su Fortunata Aiazzi e il figlio Franco di 12 anni. La madre morì mentre il ragazzo protetto da una trave, rimase incolume.Nelle pagine interne:Renato Rascel sconfitto a Londra: solo ottavo posto per la sua "Romantica" al Gran Premio Eurovisione 1960.È morto Arturo Ambrosio, fondatore dell'industria cinematografica italiana.Attenti al cuore quando ci si accorge di averlo: fino a che si mantiene sano il cuore non dà segno di sè; se si fa sentire significa che è sul punto di ammalarsi.I tre grandi proprietari di Londra sono Lord Portman, il principino Carlo e la Chiesa d'Inghilterra.Le donne di Proserpio nell'Alta Brianza vogliono scendere in politica per conquistare il Comune.e tanto altro ancora!Qualora vogliatemaggioridelucidazioni contattateciIn questonegozio troverai un'intera categoria dedicataalla collezione delleDomeniche del Corriere, ne inseriamodiverse giornalmente e a breve saranno presenti tutte le riviste dei 90 anni in cui sono avvenute le pubblicazioniSottoil link diretto alla collezione:Riviste disponibiliCliccaci sopra, troveraidi certo ciò che cerchi!La Domenica del Corriere è stato un popolare settimanale italiano fondato a Milano nel 1899 e chiuso nel 1989.Fortemente voluto da Luigi Albertini, allora direttore amministrativo del Corriere della Sera, apparve per la prima volta nelle edicole l'8 gennaio 1899 come supplemento illustrato del Corriere della Sera. Stampata in grande formato (sul modello del domenicale La Tribuna illustrata), aveva 12 pagine e veniva distribuita gratis agli abbonati del Corriere, oppure si poteva acquistare in edicola per 10 centesimi.Non fu concepito come periodico di informazione, per non risultare un doppione del quotidiano. Venne pensato come «settimanale degli italiani». Doveva scandire, come un calendario, le loro giornate liete, le loro tragedie, i loro fatti piccoli e grandi.La prima e ultima di copertina erano sempre disegnate. Il Corriere si avvaleva di un giovane disegnatore, Achille Beltrame, allora sconosciuto, a cui veniva affidato in ogni numero il compito di rendere con la sua tavola il fatto più interessante della settimana.La prima delle tavole a colori con cui Beltrame raccontò ogni settimana, per oltre quarant'anni, le vicende del suo tempo, si riferiva ad una tempesta di neve nel Montenegro (1899). Il Montenegro era salito da poco agli onori della cronaca poiché Vittorio Emanuele di Savoia l'erede al trono d'Italia, si era appena sposato con Elena di Montenegro.Le tavole a colori di Beltrame divennero il marchio distintivo della rivista. Nelle sue copertine è riassunta in pratica tutta la storia del costume e della società italiana della prima metà del XX secolo. Fatti di cronaca, sportivi, di costume venivano riassunti con maestria dall'illustratore arzignanese, che riusciva a renderli vivi e attuali agli occhi di una popolazione non ancora del tutto uscita dall'analfabetismo. Non si mosse mai da Milano dove disegnò tutte le sue tavole. Ciò nonostante riuscì a rappresentare luoghi, fatti, persone e cose che non aveva mai visto di persona, grazie alla sua innata immaginazione e curiosità unite ad un rigoroso senso di realismo. Celebri, in particolare, furono le sue illustrazioni degli avvenimenti bellici

Gesamtpreis

  • Preis + Versand 16,20 € + 9,50 € Versand